Archivi tag: orecchi a sventola

Otoplastica: Cos’è e quanto costa

Cos’è l’ otoplastica?

L’ otoplastica corregge in modo definitivo ed efficace le cosiddette “orecchie a sventola”, cioè quando il padiglione auricolare forma con la testa un angolo maggiore di 30° circa, tanto che il padiglione sporge in modo antiestetico. L’intervento coinvolge esclusivamente la parte cartilaginea e cutanea del padiglione non intaccando la funzionalità dell’orecchio.

L’otoplastica può essere realizzata su uno o entrambi gli orecchi ed è indicata anche per bambini di età scolare, dai 6 anni.

Otoplastica: Finalità

Con l’otoplastica la sporgenza dei padiglioni auricolari viene ridotta e si possono correggere alcuni difetti, come la mancanza di pliche (orecchio piatto). L’intervento alle orecchie serve anche a creare simmetria tra i due padiglioni, perciò l’otoplastica potrà anche differire leggermente come tecnica operatoria tra un orecchio e l’altro.

Indicazione dell’ otoplastica

La correzione chirurgica delle orecchie (otoplastica o auricoplastica) è l’intervento ideale per pazienti che notano questi particolari difetti dei padiglioni auricolari:

  • orecchie a sventola
  • asimmetria dei padiglioni (solo uno è a sventola)
  • conca auricolare piatta (mancanza delle naturali pliche)
  • sporgenza eccessiva della parte superiore dell’orecchio

Otoplastica: Intervento

In anestesia locale, le incisioni dell’ otoplastica sono praticate lungo il solco retroauricolare. Da qui il chirurgo accede alla cartilagine che può modellare, se sono assenti le normali plicature, oppure incidere, per avvicinare l’orecchio alla testa. I punti di sutura sono interni, per mantenere ancorata la cartilagine, ed esterni. Il bendaggio applicato al termine dell’otoplastica protegge da urti e sfregamenti.

L’intervento è rapido, di semplice realizzazione e definitivo. I bambini che vi si sottopongono lo fanno senza particolari traumi psicologici nei confronti della chirurgia, perché non provano dolore e dopo qualche ora sono già di ritorno a casa.

L’impiego del laser Co2 pulsato facilita la realizzazione dell’intervento e velocizza sia la fase operatoria che il recupero postoperatorio. Infatti, la capacità del laser di coagulare immediatamente i tessuti incisi evita inutili perdite di sangue e velocizza quindi la guarigione. Grazie a ciò e alla pratica dell’anestesia locale con sedazione, l’intervento di otoplastica è consigliabile senza remore anche ai bambini, che spesso soffrono profondamente per un difetto così di facile bersaglio di battute. Già dopo una settimana il piccolo paziente può tornare a scuola serenamente. È praticamente impossibile, dopo l’otoplastica, individuare i segni della chirurgia. Le sottili cicatrici infatti si trovano dietro le orecchie, precisamente lungo la piega verticale dei padiglioni.

Otoplastica: Quanto costa?

Mediamente, l’otoplastica eseguita su un solo orecchio costa circa 1.500€, mentre se praticata su entrambi i padiglioni, il prezzo è di 3.000€ circa.