roncopatia

Russamento: La tecnica laser per smettere

Il momento del sonno è una fase fondamentale in cui il nostro organismo si distende e ripristina le energie per sostenere la giornata. A ostacolare il sonno di solito è un fastidio molto comune: la roncopatia.

La Roncopatia ( comunemente definita “russamento”) non è solo un fastidio acustico , ma una effettiva patologia , causata dal faticoso passaggio dell’aria nelle prime vie aeree durante il sonno , di fronte ad una condizione di restringimento del diametro dell’abituale via respiratoria .

Russare: Una problematica da non ignorare

Direttamente conseguente al problema del russamento c’è l’ apnea notturna, a causa del rilassamento del palato molle e generalmente dei tessuti della gola al punto di determinare l’ostruzione del flusso aereo.

L’assenza di una regolare ossigenazione logora l’apparato cardio-respiratorio fino a quando il soggetto riprende a respirare, nuocendo alla qualità del sonno. L’ apnea notturna aumenta il rischio di patologie cardio respiratorie e ictus.

Come porre rimedio

Il rimedio per il russare si chiama uvulofaringopalatoplastica laser. , ideato negli Stati Uniti. Il trattamento chirurgico consente di eliminare il disagio psico-sociale che può derivare dall’ uso del macchinario di respirazione esterno.

Tecnica chirurgica laser per il russare

L’intervento chirurgico consiste nella rimozione , con l’utilizzo di Laser CO2, delle porzioni di tessuto in eccesso (palato molle, ugola, tonsille, a seconda della condizione soggettiva ) per portare la via respiratoria ad un diametro normale, eliminando la vibrazione che comporta il russamento (roncopatia) e il rilassamento che comporta l’ ostruzione momentanea (apnea notturna). L’utilizzo del bisturi Laser al posto del bisturi classico comporta una cauterizzazione immediata dei tessuti e quindi non vi è sanguinamento e non è necessario l’utilizzo di punti di sutura. L’assenza di sanguinamento permette altresì di ridurre le tempistiche chirurgiche e di conseguenza i rischi di infezione si annullano. La durata è inferiore a 30 minuti.

Anestesia e post-operatorio

L’intervento chirurgico di Uvulofaringopalatoplastica a mezzo Laser CO2 viene eseguito con l’utilizzo esclusivo di anestesia locale. L’assenza di sanguinamento e punti di sutura consente un rientro al sociale pressoché immediato . Nei 10/14 giorni che seguono l’ intervento, un fastidioso mal di gola e bruciore sono normali. Saranno alleviati grazie all’ uso dei medicinali indicati al momento della dimissione (la sera medesima).