Archivi categoria: Chirurgia estetica

Troppi errori in chirurgia estetica

Ormai la chirurgia estetica non riuscita non fa più notizia. Addirittura molte celebrità sfoggiano dei risultati che sono a dir poco paurosi. Labbra grosse come un canotto, seni tondi come un pallone, visi tirati oltre misura e nasi sottili come un coltello. Questi disastri sono a volte dovuti a richieste esagerate dei pazienti e spesso sono errori fatti da chirurghi alle prime armi.

Gli errori chirurgici sono talmente frequenti che si calcola che oltre il 30% dei risultati non sia soddisfacente e richieda un ritocco. Purtroppo spesso il ritocco diventa ancor più brutto perché la difficoltà tecnica di correggere l’ errore è maggiore.

Il consiglio è quello di prestare massima attenzione nella scelta del chirurgo estetico. Oggi leggiamo sempre più spesso di proposte alettanti con sconti meravigliosi. Addirittura va sempre più di moda andare all’ estero per spendere molto meno. La domanda è: Cosa succede se va qualcosa male? La struttura low cost è in grado di gestire una emergenza operatoria.

La chirurgia estetica non è un gioco e quando ci si affida a chirurghi non certificati ci potrebbe andare di per mezzo anche la pelle.

Guarire dalle orecchie a sventola

Viviamo in una società in cui l’apparenza riveste un ruolo fondamentale. Un inestetismo quale può essere quello delle orecchie a sventola, allora, può finire col costituire per l’individuo, non solo una problematica di tipo estetico ma addirittura il motivo di una difficoltà sociale e psicologica reale, in ogni età della sua vita.

Basti pensare allo scherno cui sono soggetti i bambini che presentano questo tipo di malformazione, e come questo si rifletta sulla accettazione di loro stessi, sulla propria sicurezza personale, sul modo di approcciarsi con gli altri. Disagi che possono divenire traumi che li accompagneranno anche nell’età matura.

Eppure questo tipo di problematica ha ormai da tempo una soluzione: l’ Otoplastica.

Per chi non lo sapesse, questa parola indica un tipo di intervento di chirurgia plastica messo a punto per correggere gli inestetismi delle orecchie.

Come detto, sfoggiare un paio di orecchie a sventola può essere alla base di un disagio psicologicamente importante, e proprio per questo, è un tipo di operazione che, qualora ve ne fosse bisogno, andrebbe effettuata anche sui bambini. Continua la lettura di Guarire dalle orecchie a sventola

Chirurgia estetica Gorizia

Chi pensa di operasi di chirurgia estetica troverà utile questa mini guida per fare la decisione giusta. La chirurgia plastica ottiene normalmente un risultato definitivo e non reversibile. Queste caratteristiche obbligano una maggiore attenzione e consapevolezza.

Sei certo che desideri chirurgia plastica?

Il meccanismo decisionale è soggettivo e quindi solo tu puoi decidere se l’inestetismo ti procura un imbarazzo tale da giustificare la chirurgia e se l’intervento consigliato offre un risultato adeguato alle tue aspettative. Deve valutare anche accettabili i rischi e complicanze possibili. Per tale ragione è importante fare una visita medica con il medico chirurgo approfondita ed esaustiva . Se dopo aver valutato le informazioni, hai valutato di procede, il prossimo argomento è finanziario.

Quanto costa l’intervento

È normale cercare di pagare meno ma questa strategia in chirurgia estetica plastica è rischiosa. È importante che l’intervento venga eseguito in sicurezza e questo non è compatibile con un costo oltremisura basso. È opportuno domandare più preventivi e raccogliere più notizie da più chirurghi plastici. Fuori dal nostro Paese si può risparmiare fino al 50% del prezzo ma abbiamo dubbi sulle garanzie e sulla gestione di eventuali complicanze. Può inoltre essere pensabile pagare dilazionatamente invece che azzardare un risparmio selvaggio.

Ecco alcune fonti informative che ti saranno utili nella tua decisione

Chiedi al chirurgo estetico

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Chiedi al chirurgo estetico

Chirurgia estetica Trieste

Coloro che pensano di sottoporsi ad un intervento di chirurgia plastica troverà utile questa indicazione guida per fare la decisione corretta. La chirurgia plastica ottiene il più delle volte un risultato definitivo e non reversibile. Queste caratteristiche obbligano una importante attenzione e consapevolezza.

Sei sicuro che desideri operarti?

Il sistema decisionale è personale e quindi soltanto tu potrai decidere se l’inestetismo ti procura un fastidio tale da motivare la chirurgia e se l’intervento consigliato premette un esito adeguato alle tue aspettative. Deve valutare anche sopportabili i rischi e complicanze che potrebbero succedere. Per questo motivo è importante fare una visita medica con il medico specialista in chirurgia plastica approfondita ed esaustiva . Se dopo aver considerato le informazioni, hai scelto di operarti, il tema successivo è economico.

Le tariffe della chirurgia plastica

È normale cercare di pagare un prezzo minore ma questa strategia in chirurgia plastica estetica è problematica. È rilevante che la chirugia venga realizzato in sicurezza e questo non è compatibile con un costo eccessivamente basso. È consigliabile domandare più prezzi e raccogliere più informazioni da più chirurghi estetici. All’estero si può risparmiare fino alla metà del prezzo ma abbiamo dubbi sulle caratteristiche sanitarie della prestazione e sulla gestione di eventuali problemi. Può anche essere utile pagare ratealmente invece che azzardare un risparmio pericoloso .

Ecco alcune pagine che ti saranno utili nella tua decisione

Chiedi al chirurgo estetico

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Chiedi al chirurgo estetico

Chirurgia estetica Pordenone

Coloro che vogliono migliorare il proprio aspetto con un intervento di chirurgia plastica troverà valida questa indicazione guida per fare la scelta giusta. La chirurgia plastica comporta sempre un risultato permanente e irreversibile. Queste caratteristiche impongono una profonda attenzione e consapevolezza.

Sei certo che desideri la chirurgia estetica?

Il protocollo decisionale è soggettivo e conseguentemente solo tu puoi determinare se la dismorfia ti procura un malessere tale da motivare l’intervento e se la procedura richiesta offre un risultato compatibile con le tue aspettative. Deve valutare anche sopportabili i rischi e complicanze ch possono accadere. Per tale ragione è fondamentale fare una visita specialistica con il medico specialista in chirurgia plastica approfondita ed soddisfacente. Se dopo aver considerato tutte queste notizie, hai valutato di procede, il tema successivo è economico.

I costi della chirurgia estetica a Pordenone

Tutti vogliamo pagare meno ma questa strategia in chirurgia plastica è problematica. È rilevante che la procedura venga eseguito con ogni accorgimento di sicurezza e ciò non è compatibile con un costo esageratamente basso. È opportuno chiedere più preventivi e raccogliere più notizie da più chirurghi plastici. Fuori dal nostro Paese è possibile contenere i prezzi fino al 50% del prezzo ma abbiamo dubbi sulle caratteristiche sanitarie della prestazione e sulla gestione di eventuali problemi. Può anche essere utile pagare dilazionatamente piuttosto che azzardare un risparmio pericoloso .

Ecco alcune pagine che ti saranno utili nella tua decisione

Chiedi al chirurgo estetico

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Chiedi al chirurgo estetico

Chirurgia estetica Udine

Chi desidera procedere con un intervento di chirurgia estetica troverà valida questa indicazione guida per fare la scelta adeguata. La chirurgia plastica comporta di solito un esito definitivo e irreversibile. Queste caratteristiche impongono una maggiore attenzione e maturità.

Sei certo che vuoi chirurgia plastica?

Il meccanismo decisionale è soggettivo e quindi solo tu potrai determinare se la dismorfia ti procura un fastidio tale da giustificare l’intervento e se l’intervento consigliato premette un risultato compatibile con le tue aspettative. Deve giudicare anche ammissibili i rischi e complicanze possibili. Per tale ragione è importante fare una visita medica con il medico chirurgo approfondita ed esauriente. Se dopo aver considerato le notizie, hai scelto di operarti, l’argomento conseguente è finanziario.

Le tariffe della chirurgia plastica

È comprensibile voler pagare meno ma questa strategia in chirurgia estetica è rischiosa. È rilevante che l’intervento venga realizzato in sicurezza e questo non è compatibile con un costo oltremisura basso. È consigliabile chiedere più preventivi e raccogliere più notizie da più chirurghi plastici. All’estero si può risparmiare fino al 50% del costo ma abbiamo dubbi sulla qualità del servizio e sulla gestione di eventuali problemi. Può anche essere pensabile pagare dilazionatamente invece che azzardare un risparmio pericoloso .

Ecco alcune fonti informative che ti serviranno nella tua decisione

Chiedi al chirurgo estetico

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Chiedi al chirurgo estetico

Chirurgia estetica Friuli

Chi pensa di procedere con un intervento di chirurgia estetica troverà utile questa indicazione guida per fare la decisione adeguata. La chirurgia estetica ottiene di solito un risultato permanente e irreversibile. Queste caratteristiche impongono una maggiore attenzione e maturità.

Sei sicuro che desideri chirurgia plastica?

Il sistema decisionale è personale e quindi soltanto tu potrai stabilire se il difetto ti procura un fastidio tale da giustificare l’intervento e se l’intervento consigliato offre un risultato adeguato alle tue aspettative. Deve valutare anche ammissibili i rischi e complicanze che potrebbero succedere. Per questo motivo è necessario fare una consultazione con il medico specialista in chirurgia plastica approfondita ed completa . Se dopo aver considerato le notizie, hai valutato di procede, l’argomento conseguente è finanziario.

Le tariffe della chirurgia plastica

Tutti vogliamo pagare un prezzo minore ma questa strategia in chirurgia plastica è un po’ pericolosa. È importante che la procedura venga eseguito con ogni accorgimento di sicurezza e ciò non è compatibile con un prezzo eccessivamente basso. È opportuno domandare più prezzi e raccogliere più notizie da più centri di chirurgia estetica. Fuori dall’Italia si può contenere i prezzi fino al 50% del costo ma abbiamo dubbi sulle garanzie e sulla gestione di eventuali complicanze. Può anche essere utile pagare dilazionatamente invece che rischiare un risparmio pericoloso .

Pubblichiamo alcune pagine che ti saranno utili nella tua scelta

Il laser nella chirurgia estetica della pelle

Il raggio laser rimuove immediatamente i difetti causati dall’ invecchiamento della cute , come macchie senili e rughe della pelle. In maniera precisa, sicura ed indolore. I vantaggi del laser nella moderna chirurgia estetica nella cura contro gli effetti dell’invecchiamento più moderna: il peeling laser.

Lo strumento centra il “bersaglio” eliminandolo immediatamente , senza compromettere i tessuti adiacenti e senza sanguinamento . Questo è sinonimo di sicurezza, naturalmente se utilizzato da professionisti ci si sta riferendo al laser CO2 pulsato, dal raggio preciso , sicuro ed infallibile. Il laser ad anidride carbonica pulsato viene adottato con ottimi risultati nei trattamenti negli interventi di rigenerazione epidermica , particolarmente per gli inestetismi delle rughe, delle macchie della pelle legate all’età o all’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti , delle piccole lesioni (come quelle lasciate dall’ acne , dei cheloidi e delle ulcere cutanee.  Il Laser skin resurfacing rende opportuno un check up cutaneo preliminare che consenta di determinare il grado di sensibilità della pelle alla luce e di verificare che questa non tenda a diventare ipertrofica o cheloidea nel cicatrizzarsi . Nel caso il paziente sia di carnagione scura si tratterà in maniera particolarmente superficiale , per evitare ipocromie (chiazze di un altro colore). La disepitelizzazione eseguita con il raggio laser CO2 pulsato (in seguito all’applicazione di un anestetico in crema) consente la formazione di nuova pelle, processo chiamato riepitelizzazione.

I vantaggi della tecnologia laser in chirurgia estetica

L’esperienza e lo studio della tecnologia impiegata hanno perfezionato i rendimenti della terapia a luce laser assicurando un trattamento sicuro , valido, senza conseguenze negative e applicabile più volte nel tempo. Rispetto al passato, ora il peeling laser è in grado di ottenere – con minore invasività – ottimi effetti persino con le rughe più marcate e anche nei casi di carnagioni olivastre, se applicato più superficialmente

Ecco i principali vantaggi di questo innovativo strumento di chirurgia estetica:

  • Nessun contatto con i tessuti (garanzia di sterilità)
  • Definizione (il raggio colpisce esclusivamente il punto desiderato, ruga o macchia cutanea)
  • Non vi sono perdite di sangue, perché il laser è foto coagulante

Sono queste le peculiarità per cui , la tecnica del raggio laser permette – confrontata con altri interventi di skin resurfacing – una più rapida guarigione dei tessuti. L’intensità generata dal raggio del laser CO2 pulsato può vaporizzare rughe, macchie epidermiche, lievi cicatrici e altre imperfezioni. Tale processo di vaporizzazione stimola il rinnovamento di cellule epiteliali contenenti collagene che contribuirà a migliorare l’elasticità ed il tono della pelle.

Il peeling laser è utilizzato al posto di tecniche più invasive, come il lifting facciale, per un risultato di ringiovanimento generale del viso, anche per le piccole rughe attorno alle labbra e agli occhi (le “zampe di gallina”) .
“ Il laser facing cutaneo – chiariscono gli specialisti del Medical Laser – ridona alla pelle del viso nuova vitalità ed elasticità, migliorando anche il colore della pelle con il piacevole effetto collaterale di ritrovarsi con un viso più giovane e luminoso .”

Diversa pigmentazione della pelle conseguente all’età o ai raggi UVA, invecchiamento cutaneo, varie cicatrici : oggi é possibile cancellare tutto questo con una tecnica formidabile quanto delicata di chirurgia estetica: lo skin resurfacing a mezzo laser CO2 pulsato .

Correggere le orecchie a sventola

Chi presenta questo inestetismo può ricorrere senza timori all’ otoplastica a mezzo laser. L’intervento, eseguito in anestesia locale, non solo corregge le orecchie a ventola ma ne può modificare eventualmente la forma.                 

Le orecchie a sventola sono un fattore ereditario

Non serve dare la colpa a strane posizioni assunte durante le notti infantili: le orecchie a ventola (più comunemente dette “a sventola”) sono un difetto che si acquisisce dalla nascita e che é  dovuto ad una malformazione della cartilagine, che in questo caso non si piega formando una sorta di conca, ma rimane diritta e piatta creando il classico effetto “Dumbo”.  Il risultato é che le orecchie (o l’orecchio, dato che il difetto può essere anche monolaterale) restano notevolmente distanziate dalla nuca e l’immagine complessiva del viso viene condizionata da questo piccolo, anomalo dettaglio. C’é però da sottolineare che quello delle orecchie a sventola resta un difetto confinato solamente al piano estetico: la funzionalità dell’organo uditivo non viene affatto compromessa dalla particolare forma del padiglione auricolare. Che il fenomeno sia di natura prettamente ereditaria é oramai un dato certo, confermato anche dai casi di incidenza che ricorrono nello stesso ambito famigliare.

Le orecchie a sventola possono creare complessi

Sul faccino di un bimbo due orecchie a ventola possono conferirgli un’aria vispa e simpatica. Con la crescita però questo inestetismo può diventare fonte di disagi anche rilevanti sul fronte dell’accettazione di sé ed in ogni caso costituiscono una “stonatura”  che compromette la bellezza del viso. Durante la prima infanzia al bambino può capitare di essere deriso dai propri coetanei per via delle sue orecchie. Dall’impatto con questi atteggiamenti canzonatori può svilupparsi lentamente un complesso che può  condizionare le relazioni sociali future. Molti psicologi sono concordi nel consigliare un intervento di otoplastica già in età prescolare così da evitare inutili imbarazzi e risolvere senza troppi traumi un inestetismo che invita facilmente a scherzi. Dal punto di vista della traumaticità l’otoplastica ne é totalmente esente: l’operazione avviene in day hospital per cui il bambino potrà ritornare a casa poche ore dopo l’intervento senza dover subire i disagi – soprattutto psicologici – di un ricovero. La semplicità di questo tipo di intervento, realizzato in anestesia locale, lo ritiene idoneo e risolutivo anche per un bambino di 5-6 anni: dopo quest’età  l’orecchio non subisce infatti  modifiche rilevanti.

TANTI LE NASCONDONO CON I CAPELLI

Le più fortunate sono le donne o comunque chi può vantare una capigliatura che copra almeno la nuca. Fortuna relativa, dato che le orecchie a ventola non sono proprio così facilmente celabili alla vista altrui. Chi ha il complesso di avere brutte orecchie é anche meno libero di acconciarsi i capelli a piacere: niente coda di cavallo, trecce o chignon ma neppure cerchietti e fermagli. Se é un uomo ad averle, le cose si complicano soprattutto se é alle prese con la calvizie che, nei primi stadi, mette a nudo proprio la regione fronto-temporale, lasciando scoperte quindi anche le orecchie.

Otoplastica: La preparazione

  • Sottoporsi alla visita preliminare, utile al chirurgo per valutare le modalità di intervento. Oltre alla correzione della cartilagine, in almeno il 70% dei casi, si provvede anche alla ricostruzione del margine ripiegato dell’orecchio (antelice): nelle persone con le orecchie a ventola questa “tubulatura” é spesso inesistente.
  • Effettuare alcune indagini cliniche richieste dal chirurgo per confermare il buono stato di salute generale (in particolare viene richiesto l’esame del sangue, delle urine e l’elettrocardiogramma).
  • Avvisare il chirurgo e quindi l’anestesista se si sta seguendo una cura farmacologica o se si é avuta l’influenza nelle tre settimane precedenti l’intervento.
  • Evitare fumo e alcolici perché sono dei vasocostrittori.

Intervento di otoplastica

  • L’otoplastica é un intervento realizzabile in day hospital. Si pratica in anestesia locale accompagnata da sedazione: questa pratica anestesiologica consente una più rapida ripresa post-operatoria.
  • La durata dell’intervento é di circa 40 minuti. Il tempo va dimezzato se la correzione chirurgica interessa un solo orecchio.
  • Il rimodellamento della conca auricolare avviene attraverso l’incisione del solco dietro l’orecchio: si asporta una sezione di cartilagine e di cute. La cartilagine viene modificata sia nella forma che nelle dimensioni.
  • Se é necessaria la ricostruzione dell’antelice, si ripiega la cartilagine del bordo esterno, fissandola con alcuni punti di sutura.
  • La medicazione consiste nell’applicazione di alcuni piccoli cerotti e di un bendaggio elastico in grado di comprimere i padiglioni auricolari.

Otoplastica post operatorio

  • Per una settimana/dieci giorni le orecchie presenteranno un leggero gonfiore: per accelerare il riassorbimento delle ecchimosi si consiglia di sottoporsi ad un ciclo di linfodrenaggio manuale del viso.
  • Dopo tre giorni dall’intervento, la fasciatura elastica viene sostituita con una più morbida mentre i punti vengono rimossi in ottava giornata.
  • Astenersi dall’esposizione solare per almeno 20 giorni in modo da non ostacolare il processo di guarigione.
  • Non praticare sport durante la prima settimana o qualsiasi attività che possa esporre le orecchie a traumi.
  • Se si fa uso di occhiali, cercare di non indossarli per molto tempo nei primi dieci giorni dall’intervento.
  • La correzione chirurgica delle orecchie dà risultati duraturi. Le cicatrici laasciare dall’otoplastica non sono visibili in quanto nascoste dietro l’orecchio.

 

Tutto pur di essere più affascinante

"Certamente c'è la possibilità che Lei sia un cigno ma vuole veramente correre questo rischio?Dicono che una donna sia pronta a tutto pur di essere più affascinante. Questo è tanto più vero se tale ragazza vive della propria bellezza . Tuttavia in certi casi una imperfezione può diventare quella nota distintiva in più che rende ancora più suggestiva la sua immagine. Basti riflettere su quelle problematiche del volto che negli anni hanno finito col essere l’elemento di forza del viso di alcune star come il neo sulle labbra di Madonna o quello di Cindy Crawford, o i denti sovrapposti del sorriso di Letizia Casta. Sicuramente non è il caso del misterioso sesto dito di Marylin Monroe. Si narra infatti che la appariscente e biondissima vamp, la diva che seppe stregare addirittura un presidente degli Stati Uniti , sia nata con un sesto dito nel piede sinistro. Un problema se ci si pensa non proprio di poco conto ma che anzi può suscitare persino orrore. Nondimeno non si tratta di un tipo di anomalia così infrequente come si potrebbe credere. Negli ultimi anni infatti la chirurgia estetica e plastica alle estremità ha costituito uno delle operazioni più richiesti dalle ragazze soprattutto negli USA. Il tipo di correzioni desiderato è piuttosto vario e spazia appunto dalla amputazione di un dito in più alla rimozione di una falange di in più che costituisce di frequente l’accavallamento delle dita dei piedi. Ma non solo. Anche se sembra incredibile sono incrementate le richieste di taglio del mignolo per mettere più in modo più confortevole le scarpe coi tacchi o per rendere più piccola l’ampiezza complessiva del piede giudicata estremamente poco di classe. Dai primi studi elaborati sul fatto si ritiene che il perché principale di una simile richiesta sia quello di poter calzare i tacchi per parecchie ore al giorno. I mignoli, infatti, soprattutto se si sfoggiano scarpe con la punta stretta, tendono a sfregare contro la tomaia. Questo col trascorrere del tempo può condurre a diverse problematiche come l’apparizione dei calli: una affezione molto dolorosa oltre che anti-estetica. Oltre a generare problemi di postura e a volte dolori veri e propri così estremi da costringere a lasciare in maniera definitiva certe calzature . Per lo stesso motivo , spesso si fa richiesta al medico di ridurre la lunghezza di alcune dita, specie se ad esempio il secondo dito appare più prominente dell’alluce. In questo caso, infatti, può apparire duro trovare calzature della misura giusta . In ultimo un altro intervento richiestissimo per le estremità consiste nell’iniettare del collagene nelle piante dei piedi in modo da formare una specie di cuscinetto protettivo che proteggerebbe la pianta del piede da suole leggere e renderebbe più comodo camminare su tacchi di qualsivoglia estensione. Insomma è proprio vero: cosa non si farebbe per essere più affascinanti. Occhio però, è sempre preferibile confrontarsi col medico e esaminare i pro e i contro di interventi così complessi visto che da una errata postura conseguente a un cattivo intervento possono verificarsi tutta una serie di problematiche per il nostro benessere psicofisico.